Tortelli all’ortica

untitled-design-30“L’ortica è conosciuta ai più come un erba infestante ed urticante, e pochi conoscono le sue doti medicamentose e nutrizionali.
In cucina là si può usare per la preparazione di diversi piatti, ed uno di questi è nel riempimento di un tipo di pasta ripiena.
Della pianta si deve raccogliere il germoglio, facendo molta attenzione. Un buon guanto è un paio di forbici ci possano evitare il contatto diretto con la nostra pelle ed evitarne così la reazione che crea bruciori e pizzicori davvero noiosi.
I ributti si possono trovare in tutta la stagione primaverile (preferibilmente) ed estiva, proprio perché viene spesso falciata (magari evitiamo il periodo di maggiore siccità, che prevalentemente coincide con il mese di agosto).
Dopo la raccolta, è sempre con le dovute precauzioni, si puliranno accuratamente e si tufferanno in acqua bollente con l’aggiunta di un pico di sale. La sbollentatura dovrà durare pochi minuti (giusto per ammorbidire i ributti e togliere il loro potere urticante.
A parte avremo preparato la nostra pasta (un uovo ogni 100 gr di farina, una spruzzata d’acqua, dell’olio e.v.o. Ed un pizzico di sale), ben spianata con uno spessore molto sottile.
Per circa 4 persone occorrono 250 gr. di farina e quindi due uova, 1/2 bicchiere di acqua, 2 cucchiaini di olio ed un pizzico di sale. Per il ripieno circa 50 gr di ortica, altrettanti di ricotta di pecora, due cucchiai di pecorino grattugiato ed una grattata di noce moscata (personalmente amo aggiungere una spolverata di zenzero in polvere dalla radice appena grattugiata).
In una terrina amalgameremo il nostro ripieno che poi metteremo nella pasta spianata formando i nostri tortelli, avendo cura di sigillarli molto bene per evitare che si possano aprire in cottura.
In una casseruola capiente faremo bollire dell’acqua in cui cuoceremo i nostri tortelli che adageremo pezzo per pezzo. Appena questi torneranno in superficie si possono scolare.
Il condimento deve essere molto delicato. Può andare dal burro e formaggio, alla crema di zafferano che potremo preparare in poco tempo facendo sciogliere circa 70 di burro allungato con un poco di latte in cui spolvereremo una bustina di zafferano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *