Lasagna alla fiorentina

maxresdefault (1) Lasagna alla fiorentina

Tralasciando la preparazione della pasta che diamo per scontato già realizzata, passiamo subito alla costruzione della besciamella (ossia alla nostrana “salsa colla”). Anche in questo caso le preparazioni sono di diverso tipo. Qui indicheremo quella più frequentemente usata nelle nostre case ancora oggi: per ogni porzione di farina (diciamo 109 gr che dovrebbero corrispondere a circa 4 cucchiai da minestra, useremo altrettanta quantità di burro ed un litro di latte che faremo intiepidire. Sbattendo con una forchetta (et similia), si amalgama la farina ed il latte, aggiungendo la noce moscata e il sale. A parte faremo fondere lentamente il burro in una casseruola dove verseremo e mescoleremo, a mano a mano, portando il tutto ad ebollizione continuando a mescolare in continuazione fino a che la salsa sarà addensata e quindi pronta.

Separatamente faremo lessare circa 800 gr di bietola selvatica (o più facilmente nel reperimento, di spinaci), in modo da rendergli al dente. Dopo averli sommariamente sgocciolati si faranno risaltare in una padella dove da poco abbiamo messo a cuocere una cipolla e un bello spicchio d’aglio, ben tritati, a soffriggere. La verdura, un po’ salata e pepata sarà cosi stufare. Si spegne il fuoco e si cosparge sopra la besciamella accompagnata da una buona dose di pecorino grattugiato (circa un etto). In una teglia ben imburrata metteremo a strati le nostre lasagne, il compito di verdure e la spalla cotta ovviamente tagliata a fette. Il tutto per almeno quattro strati facendo attenzione di mettere per ultimo il composto di verdure, con un’ultima spruzzata di formaggio grattato ed uno spruzzo d’olio evo. Il forno sarà già preriscaldato a circa 180 gradi. Il nostro arrosto dovrebbe essere così pronto un circa 35­-40 minuti.